• default style
  • blue style
  • green style
  • red style
  • orange style
Mercoledì 05 Ott 2022
You are here: Home Raccolte Poetiche L'oceano che ci abita (2016) Claudio Malune: 'Confondo la notte eppure è il mio oblio'
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size

Claudio Malune: 'Confondo la notte eppure è il mio oblio'

Stampa PDF

Confondo la notte eppure è il mio oblio



Confondo la notte eppure è
il mio oblio: velo acre che bisbiglia
sul virgulto. Strane strade ci
intessono, fa male la memoria fra me
e te; sguardo che si fa lume
fra i detriti, sei verità e tormento
scelti dalla mia insonnia. Quale privilegio
se non la notte quando mi confonde,
quando ramazza tutti i sospiri assordati e
uccide con la sua nenia? Quale
notte è la tua notte, quale
il suo trasporto? D'improvviso un rimorso,
e la notte è notte per entrambi, dolce
come l'uva rimasta sui tralci.



(Claudio Malune)



[ GUARDA LA VIDEO-POESIA OMONIMA ]


[ GUARDA LA VIDEO-POESIA OMONIMA DAL SITO POETIPOESIA.COM ]



* 2014: Poesia pubblicata nell'Antologia "Sentire, n° 3" (2014), curata dalla casa editrice Pagine s.r.l. di Roma.



Marco Curreli, disegno abbinato alla poesia 'Confondo la notte eppure è il mio oblio'

Questo sito NON utilizza alcun cookie di profilazione proprio. Sono invece utilizzati cookie di terze parti legati alla presenza dei “social plugin” ed attribuibili a Facebook, Twitter, Pinterest, Google, etc. Se accedi ad un qualunque elemento sottostante o chiudi questo banner, acconsenti all'uso dei cookie. Se vuoi saperne di più sull’utilizzo dei cookie, in genere e nel sito e, sapere come disabilitarne l’uso, leggi l'Informativa sull’uso dei Cookie. Informativa Privacy e uso Cookie.

Accetto i Cookie da questo sito.

EU Cookie Information