• default style
  • blue style
  • green style
  • red style
  • orange style
Sabato 28 Gen 2023
You are here: Home Poesie d'Autore Hierro, José José Hierro: 'Passato'
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size

José Hierro: 'Passato'

Stampa PDF

José Hierro

Passato



Ora che torna la sera
d'argento e grigio, ora che ho
innanzi agli occhi, nella mia lingua,
il colore, il sapore del tempo,
ora, infine, quanto dolorosamente,
quanto limpido, esatto, lo vedo!
Sembra che sulla terra io cammini
assistendo alla mia sepoltura,
che sono appeso al presente
come un occhio gigantesco,
contemplando tutta la mia vita,
che fa nido nel mio stesso corpo.
Io, dal di fuori della carne,
impassibilmente lo vedo.
Muove il mio corpo sulla riva.
Si ferma (no: mi fermo).
Gioca o si stende tra rocce
e s'addormenta, mentre lo veglio,
senza che possa destarlo
dai suoi inganni e dal suo sonno.


(da 'Terra senza di noi', 1947 – Traduzione di Oreste Macrì)


[ FONTE ]


José Hierro del Real (Madrid, 3 aprile 1922 – Madrid, 21 dicembre 2002)

[ Poeta spagnolo della generazione detta "sradicata", fu influenzato dalla poesia di Gerardo Diego. Incarcerato per quattro anni dopo la guerra civile, divenne araldo della "poesia testimoniale", passando nel tempo a temi esistenziali. ]


[ Premio Miguel de Cervantes 1998 ]


[ CLICCA QUI PER LEGGERE ALCUNE CITAZIONI DI JOSÉ HIERRO ]

Questo sito NON utilizza alcun cookie di profilazione proprio. Sono invece utilizzati cookie di terze parti legati alla presenza dei “social plugin” ed attribuibili a Facebook, Twitter, Pinterest, Google, etc. Se accedi ad un qualunque elemento sottostante o chiudi questo banner, acconsenti all'uso dei cookie. Se vuoi saperne di più sull’utilizzo dei cookie, in genere e nel sito e, sapere come disabilitarne l’uso, leggi l'Informativa sull’uso dei Cookie. Informativa Privacy e uso Cookie.

Accetto i Cookie da questo sito.

EU Cookie Information