• default style
  • blue style
  • green style
  • red style
  • orange style
Martedì 28 Mag 2024
You are here: Home Poesie d'Autore Guillén, Rafael Rafael Guillén: 'Essere un istante'
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size

Rafael Guillén: 'Essere un istante'

Stampa PDF

Rafael Guillén

Essere un istante



La certezza arriva come uno stordimento.
Si vive per i momenti di luce. O di oscurità.
Il resto sono le ore, i fondali,
il grigiore della fatica. Il resto è niente.

È un momento. Il corpo si disabita e smette
di essere la trasparenza con cui vede se stesso.
Si incorpora nelle cose; diventa materia estranea
e possiamo sentirlo da un luogo remoto.

Ricordo un istante in cui Parigi
mi cadde addosso con il peso di una stella spenta.
Ricordo quella pioggia totale. Parigi è triste.
Tutto ciò che è bello è triste finché esiste il tempo.

Vivere è fermarsi con il piede alzato,
è perdere un passo, è guadagnare un secondo.
Quando guardi passare un fiume, non vedi l'acqua.
Vivere è vedere l'acqua; fissare il suo rilievo.

Il mio vagare poggiava sul parapetto di ferro
del Pont des Arts. Improvvisamente, la vita balenò.
Pioveva sulla Senna e l'acqua, crivellata,
era diventata pietra, cenere di lava indurita.

Niente altera il suo ordine. È solo un battito
dell'essere che, a sorpresa, diventa percepibile.
E dentro si sente la compattezza del ferro,
e noi siamo lo sguardo stesso che ci trafigge.

La lucidità sceglie i momenti inaspettati.
Come quando in sala proiezioni un guasto
interrompe l'azione, lascia un fermo immagine.
Presto il ritmo continua. E la caduta continua.

La pesante sagoma del Louvre non si adattava
allo spazio. Era installata in una
parte di me, era un pezzo di quella coscienza totale
che trafiggeva la certezza assoluta con il suo raggio.

Essere un istante Essere immersi tra le altre cose
che sono. Dopo non c'è niente. Dopo l'universo
continua la sua morte circolare nel vuoto.
Ma per un attimo si ferma, vive.

Ricordo che pioveva su Parigi. Anche gli alberi
erano eterni sulla riva. Dopo un secondo,
le acque ripresero il loro corso e io, ancora una volta,
le guardavo, senza vederle, perdersi sotto il ponte.


(da 'Confini', 1971)


[ FONTE ]


Rafael Guillén (Granada, 27 aprile 1933 – Granada, 4 maggio 2023)

[ Poeta spagnolo della "Generazione del '50". Contribuì a rivitalizzare la poesia andalusa del dopoguerra fondando e dirigendo nel 1957 la raccolta di poesie "Veleta al Sur". La sua poesia si interroga sull'amore, sul tempo e sul mistero della vita. ]

Questo sito NON utilizza alcun cookie di profilazione proprio. Sono invece utilizzati cookie di terze parti legati alla presenza dei “social plugin” ed attribuibili a Facebook, Twitter, Pinterest, Google, etc. Se accedi ad un qualunque elemento sottostante o chiudi questo banner, acconsenti all'uso dei cookie. Se vuoi saperne di più sull’utilizzo dei cookie, in genere e nel sito e, sapere come disabilitarne l’uso, leggi l'Informativa sull’uso dei Cookie. Informativa Privacy e uso Cookie.

Accetto i Cookie da questo sito.

EU Cookie Information